Ciao, Giancarlo

Giancarlo Fratus, Direttore Commerciale e Amministratore Delegato di Nettuno, come mi piace pensare, è “andato avanti”.

Lo ricordiamo con tanta simpatia e lasciamo la parola ad Afidamp, che vuole ricordarlo così:

“Siamo abituati a ordinare i nostri ricordi nella mente per compartimenti chiusi: gli episodi felici, gli incontri importanti, gli amori, i successi personali. È una convenzione che abbiamo consolidato nel nostro archivio di pensieri e immagini per richiamare velocemente e collocare nel giusto contesto un accadimento, una persona, un risultato.

Nei momenti importanti di questi anni, nei tanti viaggi legati alle fiere alla conquista di nuovi mercati e alla costruzione di nuove relazioni professionali e personali, nelle discussioni appassionanti sul senso e sul futuro di progetti ambiziosi, nelle lunghe attese negli aeroporti e nelle hall degli alberghi ritrovo sempre, come un filo rosso che ne sottolinea continuità e senso di appartenenza in questi vent’anni, la presenza di Giancarlo.

Giancarlo Fratus ci ha lasciato questa notte, con la discrezione e la leggerezza che gli appartenevano. Non era in fiera ad Amsterdam la scorsa settimana ma ciascuno di noi che lo conosceva bene aveva immaginato che fosse impegnato in una nuova avventura professionale, una nuova sfida, una delle sue. Aveva costruito nella sua impresa “NETTUNO” una squadra di lavoro affidabile e indipendente che poteva governare con efficacia ed autorevolezza la partecipazione agli eventi del mercato anche in sua assenza.

L’amore per la sua famiglia, per le sue figlie e l’ambizione di internazionalizzare il mercato per la sua azienda erano stati i punti fermi della sua vita, almeno di quella che io conosco. Un impegno quest’ultimo che negli anni più recenti aveva prodotto una significativa trasformazione della sua attività e della sua impresa.

Giancarlo era una persona solare e positiva, un amico sorridente e sempre disponibile ad accogliere nuove sfide. Èstato per molti anni in Afidamp un interlocutore attivo ed efficace in anni nei quali progetti alternativi o trasversali sembrava dovessero mettere al tappeto molte certezze acquisite.

Ci mancherà il suo ottimismo e la sua voglia di provarci sempre, anche quando il tempo è ormai finito.

Grazie Giancarlo per essere stato anche con noi e per esserci stato amico, un abbraccio carissimo alla tua famiglia”.

E anche tutti noi di Cleaning Community ci uniamo nel ricordo e nell’affetto.

I funerali si svolgeranno venerdì 25 maggio alle ore 14.30, presso la Chiesa di San Pietro Apostolo Tagliuno in Castelli Calepio (Bergamo).

CM

INTERCLEAN Amsterdam: una conferma

L’edizione 2018 di INTERCLEAN Amsterdam è stata la più internazionale di sempre, fitta di giorni impegnativi, con un numero record di visitatori, ancora da più paesi. Con una combinazione di vecchi e nuovi segmenti espositivi e formativi, Interclean è stata in grado di offrire una panoramica completa delle più recenti tecnologie e tendenze nel mercato della pulizia professionale. L’Arena dei Robot, l’InnovationLAB e il nuovo Healthcare Cleaning Forum e LAB sono stati particolarmente apprezzati.

”I visitatori hanno potuto godere di innumerevoli attività negli stand degli espositori, con folcloristiche esibizioni, un campo da basket e dimostrazioni di realtà virtuale,

Paul Wonnacott, Amministratore Delegato e Presidente di Vectair Systems and Exhibition Committee, ha dichiarato: “L’edizione 2018 di Interclean Amsterdam è andata molto bene, i nuovi elementi che abbiamo introdotto sono stati ben accolti e c’è poco da migliorare. La qualità dei visitatori è stata eccezionale, siamo immensamente soddisfatti della mostra in generale e non vediamo l’ora che arrivi il 2020 “.

””Le nostre statistiche dicono qualcosa, ma sono le testimonianze che mi hanno veramente parlato“, ha dichiarato Rob den Hertog, direttore Interclean Global Events presso RAI Amsterdam. “Un gran numero di persone si è preso il tempo per dirmi quanto apprezzassero l’atmosfera, che trovo altrettanto importante quanto, se non più, dei numeri. Interclean è stato il posto giusto per il nostro settore quest’anno, e sono molto contento dei risultati! “.

Ancora più internazionale 
Erano presenti stand di 892 aziende, di 47 paesi. E sono stati 33.710 i visitatori professionali provenienti da 143 paesi: il 77% dei visitatori proveniva dall’estero, con alcuni interessanti nuovi arrivi dalla Giamaica, Seychelles, Swaziland, Mongolia e Bolivia.

Amsterdam Innovation Award
Le innovazioni sono sempre state il motivo principale per cui i visitatori possono visitare la fiera – e l’Amsterdam Innovation Award, e l’InnovationLAB, mettono sotto i riflettori le ultime innovazioni di pulizia professionale.”

KIRA B50 di Kärcher è stata proclamato vincitore del Amsterdam Innovation Award 2018. Tra i vincitori di altre categorie figurano: Powr-Mop Lite di Scot Young Research, Vermop System One di Vermop e Tork PaperCircle di Essity Hygiene & Health. Il premio Visitor’s Choice è stato vinto da Tork Paper Circle di Essity Hygiene & Health.

Il Premio Innovazione di Amsterdam ha effettuato una donazione di 12.000 euro ad African Medical & Research Foundation Flying Doctors (AMREF) e al suo progetto a Kilindi, in Tanzania, che vuole fornire  acqua accessibile e servizi igienici per la comunità.”

Healthcare Cleaning Forum
Tra gli eventi della manifestazione, si è tenuto mercoledì 16 maggio il primo International Healthcare Cleaning Forum,  che ha riunito 300 professionisti del settore sanitario provenienti da 46 paesi per esplorare e discutere sulle più grandi sfide e soluzioni nella pulizia sanitaria oggi. Il Forum ha illustrando le ultime innovazioni nel campo della pulizia sanitaria, attraverso dimostrazioni e seminari di esperti.

ISSA e AfidampFAB: una piattaforma comune per l’industria del Cleaning

ISSA, l’associazione mondiale dell’industria del cleaning, e AfidampFAB, l’associazione commerciale italiana per i produttori del settore della pulizia, hanno annunciato una nuova partnership incentrata sullo sviluppo e l’esecuzione congiunta di opportunità di accesso al mercato per i loro membri e l’industria in generale, su scala globale.

Questa nuova collaborazione rappresenta un passo avanti nella più ampia strategia di espansione di ambedue le associazioni. In base al progetto comune, ISSA e Afidamp saranno coproprietarie dell’esistente famiglia di eventi PULIRE, che comprende iniziative sia fieristiche che formative, e svilupperanno nuove opzioni per facilitare le relazioni tra i soci e la condivisione delle conoscenze nel settore della pulizia professionale in tutto il mondo

“L’obiettivo di ISSA è quello di supportare sempre meglio i propri iscritti dove ne hanno bisogno, globalmente, con una più ampia serie di opzioni per il go-to-market” ha affermato John Barret, Direttore Esecutivo di ISSA. “La rete esistente di eventi fieristici e convegni del Forum PULIRE di AfidampFAB, attiva in diversi continenti, integrerà le sempre più numerose iniziative ed eventi di ISSA in paesi complementari. Vediamo in questo una grande opportunità di condivisione delle competenze tra le due organizzazioni, per reimmaginare il modo in cui il settore può operare sulla scena mondiale.”

Nell’ambito dell’accordo, tutti gli associati di ISSA riceveranno uno sconto per esporre alla fiera di PULIRE Verona, 21-23 Maggio 2019, e tutti gli associati Afidamp diventeranno soci di ISSA, ottenendo l’accesso alla serie completa dei vantaggi riservati agli iscritti.

La partnership si ripropone anche di sviluppare nuovi progetti, quale una serie più ampia di executive summit del Forum in diversi continenti. Il primo di questa più ricca serie di eventi, il Forum PULIRE America, avrà luogo prossimamente in Brasile il 9-10 agosto di quest’anno, prodotto con il partner locale FACOP (Fundação de Asseio e Conservação do Estado do Paraná).  È in corso di sviluppo anche una nuova offerta di formazione e certificazione per il settore, rivolta specificamente al mercato italiano.

“Nel corso degli ultimi 15 anni Afidamp ha creato una piattaforma internazionale, PULIRE, per rispondere all’interesse dell’industria della pulizia professionale verso molti paesi in via di sviluppo” ha dichiarato il Direttore Esecutivo di Afidamp Toni d’Andrea.  “Il nostro scopo è aprire un dialogo tra questi paesi per coordinare gli interventi, qualificare i contatti, condividere le esperienze, e rafforzare l’importanza della pulizia coma valore sociale assoluto. Afidamp e ISSA, lavorando assieme, porteranno avanti questa missione con nuovi progetti globali più ambiziosi.”

Questa partnership estende la presenza di ISSA in Europa, Medio Oriente, America Latina e Asia, arricchendo la sua crescente famiglia di eventi e attività conseguenti agli accordi conclusi recentemente in Australia, Canada, Europa, America Latina e Sud Africa.

ISSA ha reso noto il suo impegno a creare una voce più unificata per l’industria globale della pulizia professionale, e il suo invito ha trovato risonanza in molte organizzazioni di diversi paesi nel corso degli ultimi due anni, portando a 14 fusioni e partnership che hanno aumentato il numero delle organizzazioni iscritte di oltre 2000 nel solo 2018, per un totale di 9.200 aziende associate

ISSA/AfidampFAB uniscono le forze

Il mondo è sempre più interconnesso, e i leader dell’industria della pulizia professionale hanno cominciato a rendersi conto che il carattere locale e frammentario delle associazioni e degli eventi di settore non è più adeguato al business model di oggi” ha detto Dianna Steinbach, International Service Vice President di ISSA. “Dobbiamo unirci per individuare efficienze comuni ed elaborare un modo per far fronte ai crescenti bisogni di pulizia professionale nel mondo, a livello commerciale e istituzionale”.

È una partnership che si è andata sviluppando nel corso di molto tempo” ha affermato BarretSiamo lieti di poter meglio cogliere il frutto del lungo rapporto esistente tra ISSA e Afidamp, per creare nuove possibilità.

Non si tratta solo di un gruppo americano e di un gruppo italiano che parlano di eventi fieristici. Noi guardiamo al panorama globale per tracciare un’immagine più completa del settore della pulizia professionale, dei suoi bisogni e del suo potenziale. E incoraggiamo gli altri nel nostro settore ad unirsi a noi, per definire il panorama di domani“.

Saranno noti altri dettagli nei prossimi mesi riguardo ai nuovi sviluppi relativi alla fiera PULIRE di Verona 2019, alla serie dei Forum globali, e altro. Per maggiori informazioni, contattare la International Services Vice President di ISSA Dianna Steinbach o l’Executive Director di Afidamp Toni D’Andrea.

PULIRE e AfidampFAB

Con diverse sedi in varie parti del mondo, la famiglia PULIRE, che comprende eventi fieristici e formativi, ha una portata autenticamente globale. Inoltre la programmazione di PULIRE si è estesa fino a comprendere un’ampia serie di segmenti industriali e attività, con nuovi seminari e workshop, un premio all’innovazione, un premio per la pulizia ecologica, programmi di facilitazione di incontri e networking internazionale, conferenze istituzionali e dimostrazioni di prodotti, e sperimentazioni sul campo.

Nel 2013 PULIRE ha rivoluzionato il mondo degli eventi con il lancio di The Smart Show, un concetto assolutamente unico che utilizza la tecnologia degli smartphone di oggi per massimizzare la connessione e comunicazione tra acquirenti e venditori, oltre a fornire dati al volo, in tempo reale.   

Dal 1999, AfidampFAB, l’Associazione dei Fabbricanti Italiani di Macchine Prodotti e Attrezzi per la Pulizia Professionale, è organizzatore ufficiale della fiera PULIRE a Verona (Italia) oltre ad offrire progetti in Spagna e, in partnership, in India, Asia, Sud America e Russia.

 

La nuova Dynamic, lavasciuga di Lavorwash

Le sfide nel settore delle pulizia sono sempre più difficili: dai costruttori ci si aspetta soluzioni efficaci e risolutive, prima di tutto.

Con la nuova DynamicLAVORWASH propone uno strumento robusto, affidabile, molto agile e accessibile che offre massima efficacia nel mantenere il pavimento pulito e asciutto.


Solo un pulsante e si è pronti a lavorare, senza leve complicazioni o regolazioni di cui preoccuparsi: scorrevolezza, manovrabilità in aree congestionate e pulizia con entrambi i bordi della spazzola anche in angoli difficili da raggiungere.
Riduzione di fermi macchina improduttivi grazie all’interruzione automatica dell’erogazione soluzione, arresto spazzola e auto stop riempimento acqua.

Il Gruppo Lavorwash è leader mondiale nel settore della produzione di macchinari per la pulizia dal 1975 e offre gamme di prodotti complete e diversificate sia per utilizzo domestico che professionale. Lavorwash ha la sede principale in Italia, in provincia di Mantova, a cui si aggiungono filiali in vari paesi del mondo come Francia, Regno Unito, Spagna, Polonia, Brasile e Cina e molteplici stabilimenti di produzione in Italia e all’estero, in particolare: in Italia, a Pegognaga (MN) per la produzione di idropulitrici ed elettrodomestici per uso interno e di sistemi di pulizia industriali e professionali, a Milano per la produzione di aspirapolveri domestici; in Brasile per la produzione di idropulitrici e aspirapolveri per il mercato sudamericano; in Cina per la produzione di idropulitrici hobbistiche.”

Nel 2017 Lavorwash è entrata a far parte di COMET Group, contribuendo alla creazione di una realtà molto forte sul mercato, che conta oltre 700 dipendenti e un fatturato totale da oltre 170 Mln di Euro.

L’offerta commerciale di Lavorwash diventa oggi ancora più importante e completa, potendo contare su un know-how prezioso e altamente specializzato maturato negli anni da parte di tutte le aziende del gruppo in settori di mercato complementari: ciò consente di presentarsi alla clientela con un’offerta ed una competenza che difficilmente altre aziende possono vantare.

Hot Foam Posedion, macchina a iniezione-estrazione

Hot Foam Posedion è una macchina a iniezione-estrazione schiuma e acqua calda con struttura industriale interamente in acciaio verniciato, presentata da ELSEA.

Il gruppo iniezione – composto dal compressore da 5 litri, dalla pompa da 8 bar e dal boiler da 1500 W – produce un’efficace miscela di schiuma e acqua calda che agisce profondamente sui tessuti senza penetrarne eccessivamente le fibre.

L’azione combinata di un potente aspiratore da 3600 W consente la massima rimozione di sporco e una rapida asciugatura delle superfici trattate.

 

 

La storia dell’azienda

Elsea nasce nel 2001 dall’idea di un gruppo di giovani imprenditori, già esperti conoscitori del settore degli aspiratori industriali, con l’intento di coniugare la loro esperienza all’elevata qualità di prodotto, interamente realizzato nei propri impianti localizzati nel Sud Italia.

I risultati non tardano ad arrivare ed Elsea si afferma presto come una nuova realtà nel nostro Paese dove, grazie allo standing elevato dei suoi prodotti, si confronta degnamente con i maggiori competitors del settore.
La Compagine Aziendale si arricchisce nel 2004 di un nuovo Socio con esperienza nella gestione amministrativa di aziende estere di elevate dimensioni, segnando di fatto la svolta internazionale di Elsea.


Gli anni a seguire sono un continuo crescendo nell’acquisizione di clientela in tutto il mondo, il che pone Elsea nelle condizioni di offrire un contributo non indifferente al rafforzamento del marchio “Made in Italy”.

Oggi i prodotti Elsea, in una gamma continuamente allargata ed innovata, sono commercializzati sui mercati europei, americani, australiani, asiatici, russi e sud africani e la loro qualità è garantita a livello internazionale dalle certificazioni ISO 9001:2008, TUV-GS, cTUCus e GOST.

Una nuova fiera del Cleaning

Clean Buildings ExpoSM (CBE): questo il nome della nuova manifestazione, organizzata da ISSATrade Press Media Group che si svolgerà a Baltimora il 26 e il 27 marzo 2019.

Progettato per gli utenti finali di prodotti e attrezzature per la pulizia, CBE soddisfa un’immediata necessità di informazioni sull’educazione e sui prodotti negli stati del Nordest e del Medio Atlantico, ricchi di edifici. Si prevede l’affluenza di circa 1.200 decision maker dei settori delle strutture sanitarie, educative, governative e dell’ospitalità, nonché gli appaltatori dei servizi di costruzione. CBE si svolgerà nella stessa sede e in contemporanea con l’annuale National Facilities Management & Technology (NFMT) Show Baltimore.

 

La forte relazione di ISSA con i fornitori di attrezzature per la pulizia e tecnologia e il successo del nostro annuale Nord America e di altre fiere in tutto il mondo incoraggerà un’ampia varietà di espositori a partecipare a questa nuova eccitante fiera“, afferma John Barrett, direttore esecutivo di ISSA “Le aziende espositrici includeranno produttori, fornitori leader del settore di attrezzature per la pulizia di pavimenti e tappeti, prodotti chimici, prodotti per la toilette e prodotti per la pulizia ecologica, nonché importanti fornitori di servizi di pulizia e manutenzione delle strutture. CBE promette di essere un evento molto sinergico“.

Jeff Schenk, CEO e presidente di Trade Press Media Group, è altrettanto entusiasta della nuova avventura. “Esiste un bisogno inutilizzato nel settore della pulizia commerciale nell’area nord-orientale / centro-atlantica, e questo evento colma questa lacuna” dice. “L’ubicazione e i tempi dello spettacolo interesseranno molti compratori importanti“.

CBE ospiterà anche un’importante parte educativa,  con più di 25 sessioni informative riguardanti le migliori pratiche operative, le strategie di gestione del personale e le tecnologie di pulizia.

Istruzione, formazione e certificazione sono la linfa vitale del settore“, afferma Brant Insero, direttore dell’istruzione, della formazione, delle certificazioni e degli standard ISSA. “Una formazione adeguata e certificazioni valide possono consentire al personale di imparare, crescere, avere successo e investire nella crescita di altri professionisti del settore. ISSA e Trade Press sono impegnate ad elevare gli standard di professionalità nel settore della pulizia e della manutenzione, e le sessioni di formazione al CBE porteranno avanti questo impegno “.

PRODOTTI
Con Bettari per il rispetto dell’ambiente

BETTARI propone la linea Ecolabel, frutto della ricerca e dell’esperienza dell’azienda.  Il marchio europeo  Eco-label  identifica prodotti a basso impatto ambientale, con particolare attenzione ai principali aspetti sociali ed etici dei processi produttivi.

I prodotti sono perfetti per la pulizia di tutte le superfici, lasciano una gradevole nota profumata e vantano la stessa efficacia dei prodotti tradizionali.

GEA LEMON PAV è un prodotto concentrato per la pulizia quotidiana di pavimenti, piastrelle e superfici dure, con un eccellente potere di autoasciugatura. La sua particolare formula consente l’utilizzo senza risciacquo anche con macchine lavasciuga e monospazzola. È adatto anche per l’uso su pavimenti cerati poiché non influisce sui film polimerici. È disponibile in una bottiglia da 1 litro e in un serbatoio da 5 kg.

GEA VETRI è ideale per la manutenzione quotidiana di superfici specchianti come vetri e specchi, stipiti e porte, oggetti e superfici in cristallo, metallo, porcellana, marmo e materiale sintetico. Rimuove polvere e untuosità senza lasciare aloni e con il suo alto potere bagnante e dissolvente consente di velocizzare le operazioni di pulizia delle superfici. È disponibile in flacone da 750 ml.

GEA SGRASS è uno sgrassatore pronto all’uso adatto per superfici, mobili, lavelli, vasche da bagno, acciaio inox e profili di cappe aspiranti. La formulazione sinergica di tensioattivi e solventi amplia le sue possibilità di utilizzo, rendendo questo prodotto efficace contro tutti i tipi di sporco come grasso, polvere, olio, grasso e residui di sapone. È disponibile in flacone da 750 ml.

I prodotti Ecolabel di Bettari sono perfetti per la pulizia di tutte le superfici, lasciando una piacevole nota profumata e una piacevole sensazione di pulizia nell’ambiente, vantando la stessa efficacia dei prodotti tradizionali.

Con Aladin il cleaning è sempre più ‘green’

I sistemi Aladin prodotti da AR-CO Chimica ottimizzano la diluizione e l’utilizzo dei detergenti, riducendo l’impatto sull’ambiente.

Tutti i sistemi sono connessi WIFI per fornire costantemente informazioni aggiornate sul consumo dei detersivi.
I sistemi sono disponibili in due diverse versioni: Aladin pack, che eroga dosaggi unitari di prodotti concentrati, e Aladin GT5, che eroga prodotti pronti all’uso o concentrati.

Con Aladin GT5 la concentrazione e la diluizione dei prodotti sono completamente personalizzabili e costantemente monitorate.
I sistemi sono dotati di un software che calcola e imposta in anticipo il tipo e la quantità di detergente richiesti (diluiti o in dose unitaria) per ogni operatore; questo strumento consente di calcolare in anticipo il consumo complessivo dei detergenti per ogni struttura, per ogni operazione e per ciascun operatore.
I sistemi Aladin garantiscono una serie di vantaggi: riducono la quantità di scorte dei detersivi; riducono il numero di consegne di forniture; sono uno strumento efficace per monitorare il consumo dei detersivi.

La nuova Isal 110

Il modello di spazzatrice 110 fu lanciato sul mercato l’anno scorso e divenne immediatamente un best seller di ISAL.


Una delle nuove implementazioni immediatamente visibili sulla nuova 110 è il modo di guida ergonomico: volante pratico e confortevole che consente all’operatore di manovrare la macchina facilmente anche in spazi ristretti. Infatti, è compatto e può facilmente spostarsi all’interno di tutti i tipi di magazzini.

Il sistema di spazzamento con spazzola centrale e spazzole laterali è adatto per l’uso in ambienti industriali difficili sia interni che esterni.
Grazie al nuovo sistema di sostituzione delle spazzole “no tools”, l’operatore è facilitato nelle normali procedure di manutenzione.

Il cassetto è diviso in due sezioni per alleggerire il peso senza compromettere la capacità di raccolta.

 

 

La nuova Dynamic, lavasciuga di Lavorwash

Le sfide nel settore delle pulizia sono sempre più difficili: dai costruttori ci si aspetta soluzioni efficaci e risolutive, prima di tutto.

Con la nuova DynamicLAVORWASH propone uno strumento robusto, affidabile, molto agile e accessibile che offre massima efficacia nel mantenere il pavimento pulito e asciutto.


Solo un pulsante e si è pronti a lavorare, senza leve complicazioni o regolazioni di cui preoccuparsi: scorrevolezza, manovrabilità in aree congestionate e pulizia con entrambi i bordi della spazzola anche in angoli difficili da raggiungere.
Riduzione di fermi macchina improduttivi grazie all’interruzione automatica dell’erogazione soluzione, arresto spazzola e auto stop riempimento acqua.

Il Gruppo Lavorwash è leader mondiale nel settore della produzione di macchinari per la pulizia dal 1975 e offre gamme di prodotti complete e diversificate sia per utilizzo domestico che professionale. Lavorwash ha la sede principale in Italia, in provincia di Mantova, a cui si aggiungono filiali in vari paesi del mondo come Francia, Regno Unito, Spagna, Polonia, Brasile e Cina e molteplici stabilimenti di produzione in Italia e all’estero, in particolare: in Italia, a Pegognaga (MN) per la produzione di idropulitrici ed elettrodomestici per uso interno e di sistemi di pulizia industriali e professionali, a Milano per la produzione di aspirapolveri domestici; in Brasile per la produzione di idropulitrici e aspirapolveri per il mercato sudamericano; in Cina per la produzione di idropulitrici hobbistiche.”

Nel 2017 Lavorwash è entrata a far parte di COMET Group, contribuendo alla creazione di una realtà molto forte sul mercato, che conta oltre 700 dipendenti e un fatturato totale da oltre 170 Mln di Euro.

L’offerta commerciale di Lavorwash diventa oggi ancora più importante e completa, potendo contare su un know-how prezioso e altamente specializzato maturato negli anni da parte di tutte le aziende del gruppo in settori di mercato complementari: ciò consente di presentarsi alla clientela con un’offerta ed una competenza che difficilmente altre aziende possono vantare.

Hot Foam Posedion, macchina a iniezione-estrazione

Hot Foam Posedion è una macchina a iniezione-estrazione schiuma e acqua calda con struttura industriale interamente in acciaio verniciato, presentata da ELSEA.

Il gruppo iniezione – composto dal compressore da 5 litri, dalla pompa da 8 bar e dal boiler da 1500 W – produce un’efficace miscela di schiuma e acqua calda che agisce profondamente sui tessuti senza penetrarne eccessivamente le fibre.

L’azione combinata di un potente aspiratore da 3600 W consente la massima rimozione di sporco e una rapida asciugatura delle superfici trattate.

 

 

La storia dell’azienda

Elsea nasce nel 2001 dall’idea di un gruppo di giovani imprenditori, già esperti conoscitori del settore degli aspiratori industriali, con l’intento di coniugare la loro esperienza all’elevata qualità di prodotto, interamente realizzato nei propri impianti localizzati nel Sud Italia.

I risultati non tardano ad arrivare ed Elsea si afferma presto come una nuova realtà nel nostro Paese dove, grazie allo standing elevato dei suoi prodotti, si confronta degnamente con i maggiori competitors del settore.
La Compagine Aziendale si arricchisce nel 2004 di un nuovo Socio con esperienza nella gestione amministrativa di aziende estere di elevate dimensioni, segnando di fatto la svolta internazionale di Elsea.


Gli anni a seguire sono un continuo crescendo nell’acquisizione di clientela in tutto il mondo, il che pone Elsea nelle condizioni di offrire un contributo non indifferente al rafforzamento del marchio “Made in Italy”.

Oggi i prodotti Elsea, in una gamma continuamente allargata ed innovata, sono commercializzati sui mercati europei, americani, australiani, asiatici, russi e sud africani e la loro qualità è garantita a livello internazionale dalle certificazioni ISO 9001:2008, TUV-GS, cTUCus e GOST.

Werner & Mertz premiata per Green Care Professional

Werner & Mertz è stata premiata al 1 ° Grand Prix della Corporate Social Responsibility (RSM) a Parigi.

Werner & Mertz ha ricevuto il premio RSM (Corporate Social Responsibility) nella categoria ‘Prodotti aziendali’ per la sua gamma Green Care Professional  a Parigi, il 4 aprile, durante spettacolo Produrable a Parigi.

” I prodotti Green Care sono basati su materie prime rinnovabili senza effetti negativi sull’ambiente e sulla salute degli utenti. Il produttore tedesco è stato premiato da oltre 70 candidati presentati alla giuria presieduta da Laurence Monnoyer-Smith, Commissario generale e delegato interministeriale per lo sviluppo sostenibile. Il RSM Grand Prix è organizzato da Produrable e LinkUp Factory.

In un momento in cui consumatori, governi e organizzazioni non governative chiedono un maggiore contributo delle imprese alla protezione dell’ambiente, all’economia circolare, alla salute e alla società in generale, e devono essere premiati i marchi che hanno integrato la RSI nel loro modello di marketing. Passare dalla CSR come un obbligo alla responsabilità sociale d’impresa  come opportunità di business diventa un nuovo orizzonte.

I brand che lo comprendono integrano la necessità di soddisfare le aspettative dei consumatori in cerca di significato e utilità sociale. Offrono iniziative innovative, guidate da aziende che sono diventate dei veri ‘game changers’ con il marketing basato sull’utilità della società e il loro impegno per un mondo migliore.

Fonte: Sérvices Proprété

 

Werner & Mertz Professional

La divisione professionale del Gruppo Werner & Mertz è stata fondata nel 1971 e da sempre si è contraddistinta per l’alta qualità dei propri prodotti per la pulizia destinati a facility service company, ospitalità, ristorazione collettiva e industria alimentare.

tana PROFESSIONAL e green care PROFESSIONAL sono i due marchi europei che identificano l’offerta dell’azienda per il settore B2B.

Il Gruppo Werner & Mertz nasce invece 150 anni fa ed è da sempre di proprietà della famiglia dei fondatori. Ciò comporta un naturale legame con il territorio ed in particolare con la città di Mainz.

Così spiega anche il forte impegno dell’azienda nella tutela delle risorse naturali e nella creazione di prodotti eco-sostenibili. La certificazione EMAS per gli stabilimenti produttivi di Mainz e Hallein, e quella LEED Platinum per la sede centrale, sono un’ulteriore testimonianza che qui la vocazione ecologica è una lunga tradizione che ispira le attività di ogni giorno.

I carrelli Kubi, per ogni cantiere

Compattezza, robustezza, modularità, manovrabilità, durabilità, ergonomia ed estetica sono gli aspetti che FALPI ha curato nei minimi dettagli per realizzare i nuovi carrelli Kubi, per rispondere alle esigenze di ogni cantiere.

KUBI 2 Pro Big-Foot è il top di gamma: grazie a un armadio capiente e chiuso a chiave, è l’ideale da inserire in contesti ove il carrello deve trasportare e stoccare in sicurezza i materiali utilizzati per il servizio di pulizia.

Come tutti i carrelli Falpi, la particolare ed esclusiva struttura dei Kubi è studiata per sopportare grandi carichi senza intaccare né le funzionalità né l’estetica del carrello, anche dopo diversi anni di utilizzo. Inoltre, le ruote big-foot permettono un’agevole manovrabilità del carrello anche su pavimentazioni irregolari.

Ogni aspetto tecnico è stato curato scrupolosamente per offrire la migliore qualità ed usabilità a servizio degli utilizzatori, le cui esigenze sono per una priorità l’azienda. 

Mewatex, panno eco-friendly

C’è panno e panno: ci sono panni più o meno assorbenti o più o meno rapidi nel rimuovere lo sporco da macchinari, attrezzature o veicoli. Nel panno Mewatexche oltre a essere molto resistente e superassorbente elimina velocemente grasso e sporcizia, batte però anche  un cuore ecologico, che contribuisce alla tutela dell’ambiente.”

Il panno Mewatex è infatti riutilizzabile. Rispetto ai  panni in carta o agli stracci in tessuto, che dopo essere stati utilizzati una volta, vengono eliminati tra i rifiuti,  i panni MEWA possono essere lavati e riutilizzati  fino a 50 volte. Se non esistesse il sistema di panni MEWA e venissero usati solo prodotti monouso, si produrrebbe una notevole quantità in più di rifiuti.

La sostenibilità ambientale e il principio del riutilizzo caratterizzano i panni Mewatex fin dalla fase di produzione: vengono infatti realizzati per il 50% da filati riciclati e durante la loro tessitura vengono recuperate perfino le lanugini di cotone cadute a terra, per farne materiale isolante, da utilizzare per esempio nell’industria automobilistica.

Anche nella fase di lavaggio vengono adottate tecnologie particolarmente evolute per ridurre al minimo il consumo di risorse, di energia, di acqua e di detergenti.

Noleggiare un panno? 

Un’altra peculiarità del panno Mewatex è  che viene fornito a noleggio. Esattamente come accade per l’abbigliamento da lavoro, i panni Mewatex sono disponibili in FullService: MEWA li fornisce, li ritira sporchi, li lava, li restituisce puliti e se necessario li sostituisce.

L’azienda non si limita a fornire il prodotto, ma viene incontro alle esigenze del cliente. Infatti,  il sistema di gestione dei panni lo solleva dall’onere della gestione, dello stoccaggio, del lavaggio, del trasporto in sicurezza e del rispetto delle normative ambientali sullo smaltimento dei rifiuti.

 

A MEWA il compito di occuparsi di tutti i passaggi, mentre al cliente rimane la garanzia di avere sempre a portata di mano un panno pulito.

Per avere una prova tangibile delle potenzialità del servizio, MEWA offre la possibilità di testarlo per almeno due mesi.

 

Municipal_solid_waste_in_Rome_01
Eurostat: Roma bocciata sulla pulizia

In occasione della EUGreenweek – dal 21 al 25 maggio 2018 – Eurostat ha pubblicato una rilevazione effettuata negli anni scorsi sulla percezione della pulizia nelle città. E Roma non ne esce proprio bene.

Un sondaggio del 2015 tra i cittadini europei, infatti, ha posto Roma fanalino di coda per quanto riguarda la soddisfazione degli abitanti sulla pulizia. Non è una novità, ma vederlo pubblicato comparato alla rilevazione nelle altre capitali europee ha certamente un impatto più forte.

Per l’indagine sono stati intervistati gli abitanti di 109 città e la domanda posta era: “In generale sei molto soddisfatto, piuttosto soddisfatto, piuttosto insoddisfatto o per nulla soddisfatto della pulizia della tua città?
Parlando di città…

Tra tutte queste città, Ventspils in Lettonia si è affermata con quasi tutti (il 99%) dei suoi abitanti  molto o piuttosto soddisfatti della pulizia della loro città. Ventspils è stata seguita da un’altra città lettone, Valmiera (97%), e poi ecco Oviedo in Spagna e la città di Lussemburgo (entrambi al 95%).

Parlando di capitali…

Pollice verso dei romani per la loro città: solo il 9% se ne dice soddisfatto. A differenza del Lussemburgo, promosso a pieni voti dagli abitanti, con il 95% di soddisfatti, e a seguire Vienna(90%), Lubiana (88%), Riga (81%) e Helsinki (80%). 

Un po’ meno della metà dei parigini si dice soddisfatto (49%), e dopo la Ville Lumière ecco Bruxelles (45%), Atene (41%) e Madrid (38%).

Il commento del Codacons: “Eurostat certifica in modo ufficiale ciò che è sotto gli occhi di tutti e che il Codacons denuncia da anni: a Roma la raccolta rifiuti non funziona e i cittadini sono costretti a subire la sporcizia imperante di strade e marciapiedi, specie nelle periferie sempre più abbandonate – afferma il presidente Carlo Rienzi – Ciò avviene nonostante i cittadini della capitale siano soggetti ad una tariffa rifiuti più elevata delle altre città italiane: per tale motivo invitiamo gli utenti a ribellarsi, chiedendo la riduzione della bolletta Tari“.

 

 

 
Schermata 2018-04-26 alle 09.24.44
Plogging a Milano: il 28 aprile si corre e si raccolgono i rifiuti

Arrivato dalla Svezia il ‘plogging‘ (dallo svedese ‘plocka upp‘ che in svedese significa ‘raccogliere‘) trova consensi anche in Italia. Si corre e si raccolgono i rifiuti: è stato fatto a Taranto il 25 aprile, si farà a Milano sabato 28.

Il plogging è quindi un nuovo modo di fare sport, che unisce il jogging alla raccolta dei rifiuti. L’idea è nata  da Retake Taranto che il 25 aprile ha dato avvio al plogging sul territorio nazionale: una stagione di eventi fino alla fine della primavera nelle diverse città d’Italia in cui sono presenti gruppi Retake, un’onda di ecologia e fitness che dal capoluogo pugliese si propagherà fino al nord d’Italia.

L’iniziativa è completamente gratuita: ritiro di maglia, guanti e buste a partire dalle ore 9 presso il negozio Verde Pisello di Via Lodovico Il Moro, 9. E alle 9.30 il via, davanti alla Chiesa di San Cristoforo sul Naviglio per arrivare a Corsico all’altezza della Casa di riposo ‘Il Naviglio Grande’.

 

RETAKE MILANO è un’associazione onlus di cittadini volontari che si pone come obiettivo il miglioramento della qualità della vita attraverso interventi di riqualifica e valorizzazione dell’area metropolitana di Milano.

Considerando il principio di sussidiarietà (Art.118 della Costituzione ) l’associazione promuove la diffusione della cultura del rispetto della cosa pubblica e la difesa della bellezza della nostra città, con lo scopo di far capire, il più ampiamente possibile, che tutti i cittadini possono essere attori principali nella tutela del patrimonio estetico e culturale di Milano.
Milano non può essere ceduta a chi la disprezza, ma ripresa (RETAKE) da chi – cittadino o istituzione – la ama veramente e se ne prende cura.
Workshop12aprile
FISE UNICIRCULAR: primo workshop

Se il recepimento delle nuove direttive europee, in fase di definitiva approvazione, passerà attraverso un’analisi delle esigenze nazionali in tema di gestione dei rifiuti potrà assicurare il coordinamento e l’armonizzazione degli interventi necessari al pieno  sviluppo delle potenzialità dell’Economia Circolare. Sarà necessaria la costituzione di una ‘cabina di regia’ nazionale con il coinvolgimento degli operatori interessati.”

È quanto emerso in occasione del workshop “Le Direttive su rifiuti ed Economia Circolare in arrivo”, promosso il 12 aprile a Roma da FISE UNICIRCULARUnione delle Imprese dell’Economia Circolare. L’evento ha costituito il primo di un ciclo di eventi a cadenza mensile per approfondire le tematiche relative alla Circular Economy e raccogliere le esigenze reali delle imprese.

Oltre al Presidente di FISE UNICURCULAR Andrea Fluttero, sono intervenuti Stefano Leoni – Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, Delia Di Monaco Direzione Rifiuti MATTM e Cinzia Tonci Ministero dello Sviluppo Economico – DGPICPMI che hanno esaminato le principali novità contenute nelle proposte di Direttive su rifiuti ed Economia circolare, i vincoli e le opportunità per le imprese, lasciando poi spazio al confronto con i numerosi operatori presenti.

Il dibattito svolto a valle degli interventi ha evidenziato come, per definire e articolare a livello nazionale e locale le misure indispensabili allo sviluppo dell’economia circolare, sia opportuno coordinare l’azione delle diverse amministrazioni competenti tenendo conto delle possibili sinergie tra gli strumenti da mettere in campo (Responsabilità estesa del produttore, End of Waste, Green Public Procurement, incentivi economici e fiscali, meccanismi per sostenere la prevenzione, il riciclaggio e” il riutilizzo, ecc.).

Obiettivo di questo ciclo di incontri”, ha evidenziato il Presidente Fluttero, “è entrare nel merito, con un approccio pratico e concreto, della normativa che presto sarà recepita nel nostro Paese, che offrirà alle aziende di recupero e riciclo dei rifiuti e a diversi altri settori (logistica di ritorno, preparazione per il riuso, remanufacturing, vendita dell’usato, solo per fare qualche esempio) nuove opportunità di sviluppo. A tal fine abbiamo avviato l’approfondimento di questioni tecniche e giuridiche, raccogliendo le esigenze degli operatori in vista del recepimento da parte del Parlamento delle direttive su rifiuti ed economia circolare. Le considerazioni emerse nel dibattito costituiranno una base utile per elaborare proposte da sottoporre al Parlamento e al prossimo Governo”.

Già fissati i temi su cui si focalizzeranno i prossimi appuntamenti: “Strumenti e politiche per favorire la Circular Economy”, “Il mercato delle MPS”, “Ecodesign per la riciclabilità”, “Comunicazione ambientale e reputazione sociale”.

 

 

alta_velocit_certificata_edp
Frecciarossa 1000, i treni ‘verdi’

I treni Frecciarossa 1000 sono i primi treni ad alta velocità al mondo ad avere ottenuto la EPD, Environmental Product Declaration (la Dichiarazione Ambientale di prodotto).”

La EPD, definita dalla norma ISO 14.025, indica le le prestazioni ambientali nell’intero ciclo di vita (Life Cycle Assessement o LCA), seguendo quindi gli standard della serie ISO 14040. Dall’EPD emerge che i Frecciarossa 1000 emettono solo 28 grammi di CO2 a passeggero per chilometro.

Nell’ambito delle strategie di Green Public Procurement delle società del gruppo FS italiane gruppo FS italiane è stato raggiunto un risultato che ha posto l’Italia come apripista mondiale per gli acquisti verdi del materiale rotabile

Un importante risultato che si spiega grazie alla sua ridotta resistenza aerodinamica, all’ottimo rapporto massa/potenza e al conseguente risparmio energetico. Il treno inoltre vanta prestazioni di eccellenza anche in termini di riduzione dell’impatto acustico e delle vibrazioni, e si caratterizza inoltre per la scelta di materiali riciclabili e riutilizzabili che lo compongono quasi al 100%.

Fonte: Acquisti verdi

Schermata 2018-03-26 alle 14.55.30
Rodenticidi: cosa succederà adesso?

Cosa cambia da marzo? Tre grandi categorie per chi usa i prodotti; nuove regole sui confezionamenti; nuovi pittogrammi e frasi di pericolo.

A partire dal 1 marzo 2018 è entrato in vigore il Regolamento (UE) 2016/1179 (IX ATP del Regolamento CLP), che include la classificazione armonizzata di alcune sostanze, tra le quali tutti i principi attivi anticoagulanti presenti nelle formulazioni dei rodenticidi attualmente in commercio (es. Brodifacoum, Bromadiolone, Difenacoum).

La nuova classificazione dei principi attivi – e di conseguenza anche dei prodotti – comporterà alcune limitazioni per quanto concerne l’uso dei rodenticidi da parte delle diverse categorie di utilizzatori.

 

Categorie di utilizzatori

La Commissione Europea ha stabilito tre categorie di utilizzatori, con il preciso scopo di ridurre il rischio umano e ambientale. Ogni categoria è caratterizzata da specifiche peculiarità:

• General Public: non-professionale, occasionale. Chi appartiene a questa categoria fa uso sporadico dei prodotti anticoagulanti in ambito privato, reperisce le informazioni circa il corretto uso dei prodotti da opuscoli e dall’etichetta, non ha ricevuto una specifica formazione.

 Professional: professionale. In questa categoria sono collocati coloro i quali utilizzano i prodotti anticoagulanti nella loro attività professionale (ad es. agricoltori; negozianti; operatori in ambito zootecnico; addetti alla preparazione, imballaggio, stoccaggio, distribuzione e vendita di alimenti). Chi rientra in questa categoria utilizza i prodotti rodenticidi con regolarità all’interno della sua attività lavorativa, ha acquisito maggiori conoscenze e competenze rispetto al ‘General Public’. In alcuni casi l’operatore ‘Professional’ ha ricevuto una formazione specifica, perché le legislazioni di settore lo richiederebbero.

• Trained Professional: professionista formato. In questo caso gli operatori utilizzano i rodenticidi per le loro attività giornaliere e hanno specifiche competenze acquisite grazie a corsi di formazione e addestramento o processi di certificazione (ad es. lo standard europeo EN 16636). Attraverso questo percorso di formazione, unendo conoscenza e pratica, hanno raggiunto la consapevolezza necessaria per valutare il rischio associato all’utilizzo dei rodenticidi, adottare le misure di mitigazione suggerite e attivare le pratiche di lntegrated Pest Management (IPM) prima di arrivare all’uso di un rodenticida per il controllo delle infestazioni.

Che prodotti potranno utilizzare le tre categorie?

La linea di confine è rappresentata dalla concentrazione di 30 ppm, equivalente allo 0,003% di sostanza attiva. Gli utilizzatori ‘General Public’ potranno acquistare e utilizzare solo i prodotti contenenti una concentrazione inferiore (<) a 30 ppm – 0,003% che troveranno in confezioni fino a 150 grammi se si tratta di esca in grano/ pellet/pasta fresca; in confezioni fino a 300 grammi se si tratta di blocco paraffinato. Gli utilizzatori ‘Professional’ e ‘Trained Professional’ hanno anche a disposizione prodotti con concentrazione pari o superiore (≥) a 30 ppm – 0,003%, forniti in confezioni da almeno 1,5 kg, indipendentemente dal tipo di formulazione.

Classificazione CLP

Quali pittogrammi e frasi di pericolo (Frasi-H) sono associati ai prodotti? Dal 1 marzo 2018, tutti i rodenticidi hanno una nuova classificazione a seconda della concentrazione di sostanza attiva anticoagulante contenuta:

 ≥ 30 ppm (es. 0,005%) – tossici per la riproduzione: H360D – Può nuocere al feto con in etichetta il pittogramma GHS08 e le seguenti ulteriori indicazioni di pericolo: Prodotti a base di BromadioloneH372 – Provoca danni agli organi (sangue) in caso di esposizione prolungata o ripetuta; Prodotti a base di Brodifacoum o DifenacoumH373 – Può provocare danni agli organi (sangue) in caso di esposizione prolungata o ripetuta.

• < 30 ppm (es. 0,0025%) – in etichetta il pittogramma GHS08 e la frase di pericolo H373 – Può provocare danni agli organi (sangue) in caso di esposizione prolungata o ripetuta.

In accordo con l’Art. 19 del Regolamento (UE) 528/2012, concernente l’immissione sul mercato e l’uso dei biocidi, i prodotti classificati H360D sono destinati alla sola categoria di utilizzatori “Professional” e “Trained Professional”.

Dopo chi e cosa, bisogna definire quando

Il Regolamento (UE) 2016/1179 prevede che a partire dall’1 marzo 2018, tutti i prodotti rodenticidi immessi sul mercato siano adeguatamente etichettati secondo la nuova classificazione. Non è previsto alcun periodo di smaltimento successivamente all’1 marzo 2018, sono consentiti 6 mesi per il solo uso delle scorte dei prodotti già acquistati. ”Per riconoscere le confezioni ci si può basare sulla presenza/assenza del pittogramma GHS08: solo quelle a norma hanno il pittogramma. In questo momento è in fase di conclusione il rinnovo dei rodenticidi anticoagulanti, che porterà a un adeguamento delle etichette, non solo per quanto riguarda la classificazione. L’impegno di INDIA è mirato a ridurre i disagi che potrebbero insorgere attraverso una informazione chiara, precisa e tempestiva per quanto riguarda i cambiamenti normativi e mantenendo costante l’attenzione alle tempistiche di consegna dei prodotti.

Servizio Tecnico INDIA

 

 

PULIZIA PROFESSIONALE